Uno dei piloti da fare nel progetto HABITATS riguarda l'escursionismo. Alcune idee emerse sinora, che lancio qui per iniziare un dibattito, sono:
- possibilità di vedere una mappa del territorio con sovrapposti i sentieri segnati ed anche flora e fauna presente, così da poter pianificare un'escursione per vedere i vari HABITATS.
- possibilità di aggiornare questa mappa anche in tempo reale con gli spostamenti degli animali
- possibilità di scaricare su uno smartphone gps l'itinerario con relative schermate informative sulle specie presenti nell'area
- possibilità per l'escursionista di fare foto di ciò che vede (flora, fauna, ecc.) e di inviare il materiale all'Ente Parco, contribuendo così al monitoraggio ambientale
- possibilità di mettersi in comunicazione con altri escursionisti, ad esempio nella stessa zona che stanno cercando di vedere la stessa specie
- possibilità di dotare tutti gli agriturismi e rifugi di un punto di accesso wifi (su un'unica rete di accesso anche commerciale) per poter aggiornare le informazioni disponibili
ecc. ecc. ecc.
a voi il proseguio

Visualizzazioni: 72

Risposte a questa discussione

Rilevato che il Parco delle Madonie aderisce alla European Geoparks Network (EGN) (www.europeangeoparks.org) e che il substrato roccioso o geologico d'ogni HABITAT rappresenta la base di sviluppo d'ogni forma di vita vegetale ed animale (compreso l'uomo), propongo d'inserire, nelle schermate informative dei sentieri, anche gli elementi litologici e di suolo che hanno determinato ogni particolare ambiente considerato da sottoporre a monitoraggio. Pertanto ritengo utile che la mappa del territorio con sovrapposti i sentieri segnati, al fine di pianificare un'escursione per vedere i vari HABITATS, consideri la geologia del luogo che riguarda non solo i materiali (rocce) del sottosuolo ma anche le vicende straordinarie ed affascinanti cui sono stati sottoposti. Per rendere evidenti questi materiali e le vicende ad essi collegati sarà però necessario l'intervento qualificato di geologi esperti, anche a tradurre e rendere comprensibili al grande pubblico tutte le informazioni utili.
In questo modo, per dare completezza al monitoraggio ambientale, l'habitat acquisterà valore aggiunto e di certo interesserà un più vasto numero di fruitori che nel corso dell'escursione potranno vedere e comprendere il paesaggio determinato dalle vicende geologiche e scoprire la geodiversità oltre che la biodiversità.
Per la concreta attivazione del progetto pilota potrei segnalare un sentiero che ritengo particolarmente adatto perchè sulle diverse litologie che lo caratterizzano insistono diversi habitat.
Inoltre, ad ogni buon fine, riporto la sottostante proposta integrale pervenuta a tutti i membri della EGN che, forse, potrebbe tornare utile alla definizione del progetto pilota.
Dear members of EGN,
may I introduce myself first: my name is Maximilian Wagner and I worked for Europarc few years ago. Now I'm mainly involved in international aerial survey and GIS-network solutions. I was for a long time searching for a possibility to share geographical information on a transnational level and got finally in contact with GIS Cloud. Together with the colleagues from GIS Cloud we are trying now to introduce this unique technique to organizations which are organized transnational. I'm sure that for the European Geoparks Network such a network-based technology of sharing geoinformation of their parks and regions is a unique chance. Please take a look here http://www.giscloud.com/app to see few examples of sharing geoinformation. For sure all data regarding EGN will be only available for registered members of EGN. If you are interested in that technology feel free to contact me.
Kind regards
Maximilian Wagner

Se la proposta di Maximilian interessa fornirò l'indirizzo e-mail per l'avvio della collaborazione.
Allegati:
Caro Pasquale,
ho fatto un giro nel sito GIS cloud, interessantissima applicazione che permette tra l'altro di poter editare i dati in rete.
Il problema è che l'utilizzo dell'applicazione, dopo il periodo di prova, è pagamento.
Noi nel progetto abbiao inserito come prerogativa che il software utilizzato fosse libero ed open source (cioè a codice sorgente aperto).
Andare nel sito di GIS Cloud mi ha fatto riflettere su alcuni aspetti interessanti sull'applcazione da costruire.
Avremo invece bisogno di relazionarci con geopark e di supporto sugli aspetti di geologia.
Non appena avremo un primo modello di piattaforma web gis (applicazione simile a quella di gis cloud) terremo una riunione per discuterne sulle caratteristiche. La piattaforma iniziale terrà comunque conto delle esigenze formulate dagli utenti e portatori di interesse tramite i questionari e questo forum.
@Pasquale, molto interessante anche il GIS Cloud, andrea è vero che CIP e HABITATS promuovono l'Open Source ma è anche vero che possiamo sperimentare diverse piattaforme e modelli di business, di cui il modello gratis ne è un solo esempio (Ning è a pagamento...)
Andrea e Jesse, premetto che solo intuisco ma non afferro nei particolari quello di cui parlate e pertanto attendo un primo modello propositivo per la European Geoparks Network (EGN) che sarebbe opportuno consideri l'Open Source per il fatto che, se non sbaglio, sarebbe gratuito. In tal caso la EGN, preventivamente informata da una scheda propositiva che considera i vantaggi reciproci, ritengo prenderebbe in più seria considerazione l'adesione alla piattaforma web gis che loro stessi, sapendo cosa fare, potrebbero implementare senza costi aggiuntivi. D'altra parte la proposta GIS Cloud, proveniente dall'esterno, può essere ignorata del tutto a causa dei costi che richiede.
Per quanto mi riguarda consideratemi disponibile in quanto fornitore di dati escursionistici. Qualcosa ho cominciato autonomamente ad inserire qui: http://www.everytrail.com/my_trips.php?user_id=95161&activity_id=5.
Per capire quanto possa essere interessante anche il solo utilizzo di questo semplice servizio gratuito vi invito a visualizzare su google earth l'itinenerario della "Padella" di Monte dei Cervi nel file allegato.
Ovvio l'incremento di interesse se a questo potessimo aggiungere altri dati ambientali su fauna, vegetazione, geologia . . .
Allegati:
In allegato trovate il questionario utenti trekking che abbiamo formulato come linea guida per raccogliere le esigenze di informazioni di quanti frequentano i sentieri del Parco. Il questionario compilato va inviato al mio indirizzo e-mail: francescocastagna@interfree.it.
Allegati:

In allegato l'ultima versione del questionario utenti trekking in lingua inglese.

 

Allegati:

RSS

© 2017   Creato da Jesse Marsh.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio