In allegato un bando per sollecitare il territorio Siciliano (che potrebbe vedere finanziato progetti per un valore di 50 milioni ca.) ad esprimere il proprio fabbisogno di innovazione.

Visualizzazioni: 171

Allegati:

Rispondi

Risposte a questa discussione

Alcuni ambiti identificati, servizi ICT a supporto di:

1. Turismo (del vino, sostenibile, culturale, ecc.) ed un sistema di gestione dell'offerta diffusa

2. Partecipazione cittadina alle decisioni, quindi sistemi di e-participation

3. Collarini GPS per la gestione del pascolo ad esempio nel Parco delle Madonie seguendo il pilota del progetto Habitats

4. Sistemi di trasporto pubblico in aree remote (anche con car sharing, pooling, etc.)

5. Gestione partecipata dei spazi per la cultura, crowdfunding di iniziative culturali, ecc.

6. Gestione di attività e infrastrutture per lo sport.

7. Per il personale delle amminsitrazioni pubbliche, gestione dell'assenteismo, telelavoro, lavoro di gruppo tra amministrazioni, servizi a domicilio...

8. Giustizia e carceri, servizi per migliorare il rapporto con il territorio

9. Cibo, Km zero, progetto Concadoro, mense scolastiche km 0, ecc.

10. Servizi a supporto di reti territoriali di micro-imprese (es contabilità, marketing, logistica ecc)

ricognizione interna delle esigenze informatiche dei settori comunali in termini di fabbisogni di servizi innovativi da erogare all'utenza (cittadini, imprese) per migliorare 1) la percezione della fruizione dei servizi , 2) la qualità dei servizi stessi attraverso l'uso di piattaforma online semplice (user friendly)

Qui potrebbero essere utili alcune piattaforme sviluppate nei vari progetti Smart Cities, ad esempio Open Data Commons da Citadel e la piattaforma dei Challenges di Periphèria. Su questa base potremo fare una proposta, solo che secondo me dev'essere più specifica l'espressione dell'esigenza. Ad esempio: "strumenti per facilitare e promuovere la pubblicazione dell'Open Data da un lato e l'accesso a e il suo sfruttamento da parte dei applicazioni terze dall'altro" e "strumenti per supportare processi partecipativi nell'espressione di fabbisogni dell'innovazione e la co-progettazione di nuovi servizi smart".

Ciro Spataro ha detto:

ricognizione interna delle esigenze informatiche dei settori comunali in termini di fabbisogni di servizi innovativi da erogare all'utenza (cittadini, imprese) per migliorare 1) la percezione della fruizione dei servizi , 2) la qualità dei servizi stessi attraverso l'uso di piattaforma online semplice (user friendly)

Rispondi alla discussione

RSS

© 2017   Creato da Jesse Marsh.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio