GOVJAM only 48 hours to rock the public sector, innovazione sociale anche a Scicli

GOVJAM, Only 48 hours to rock the public sector
report dell'esperienza del 4-6 giugno 2013 a Scicli (Ragusa)
di Ciro Spataro
Solo 48 ore per scuotere la pubblica amministrazione, dal 4 al 6 giugno 2013. 
GOVJAM www.govjam.org, esperimento di cocreazione e coprogettazione in oltre 30 città del mondo.
Dipendenti pubblici insieme a soggetti creativi appartenenti ad associazioni o semplici cittadini con idee per cambiare in meglio tanti aspetti della città in cui vivono. Diversità di conoscenze, competenze e caratteri ma uniti dalla voglia di innovare.
In Italia le città che si prestano all'esperimento sono Bologna, Milano e Scicli, meravigliosa cittadina barocca famosa per tanti prodotti gastronomici della tradizione popolare (tra cui la mitica scaccia con le seppioline) nella provincia di Ragusa http://www.sciclijam.it/.
Da dipendente dell'amministrazione comunale di Palermo, partecipo all'evento di Scicli, invitato dallo staff dell'organizzazione (un grazie a Francesco Carollo e Vincenzo Di Maria). Tra i partecipanti: giovani assessori di piccoli comuni in provincia di L'Aquila, facilitatori da Milano, Roma e dalla Liguria, architetti professionisti da Siracusa, Ragusa e Catania, giovani di Scicli, una varietà di soggetti per provenienza geografica, esperienze e competenze professionali. 
La cronologia delle fasi dei lavori.
Si attende la parola chiave dell'evento che viene svelata durante la proiezione di un video,... eccola: HC SVNT DRACONES. I dragoni venivano disegnati nelle antiche mappe in quelle aree dove gli esseri umani non si erano mai avventurati, rappresentavano le terre temute, pericolose. Si gioca a interpretare il significato della parola chiave, si ipotizzano ad esempio le aree pubbliche quali spazi abbandonati e non adeguatamente curati dalle amministrazioni locali, ma si ipotizzano anche le persone delle varie GOVJAM quali draghi positivi portatori di innovazione nelle città del mondo, praticamente si spazia con la mente a 360 gradi nell'individuazione di diversi significati e interpretazioni che vengono tutte riportate su una bacheca tentando, nel contempo, di creare possibili connessioni logiche tra le diverse definizioni e interpretazioni.
Segue un avvio di riscaldamento squisitamente fisico, come si fa solitamente in una disciplina sportiva, giusto per far scorrere e trasmettere l'energia tra i partecipanti, sorrisi quindi, per poi passare a un brainstorming sull'obiettivo della GOVJAM. Sono proiettati dei video realizzati in diverse lingue con sottotitoli italiani ed estratti dalla passata edizione GOVJAM, che lasciano immaginare l'atmosfera nella quale tutti noi dobbiamo tuffarci a breve.
Parola d'ordine imperativa: doing, not talking. Non fare in modo che le parole, durante i confronti di gruppo, prendano il sopravvento sul progetto da far visualizzare alla cittadinanza. Parlare ma contemporanemante creare un qualcosa di fisico (plastico con cartone, forbici, colla, colori, fotografie, video) che potrebbe dar l'idea della progettualità generata nei due giorni.
Si proietta su un pannello l'elenco di quelle che i cittadini di Scicli vedono come criticità del loro territorio: spazi  pubblici non valorizzati, non adeguata comunicazione istituzionale dei servizi erogati dal Comune, scarsa affluenza turistica se paragonata a alle vicine città di Modica o Ragusa, ecc.
Ognuno dei partecipanti scrive e schizza su una scheda l'idea concettuale di un suo progetto per migliorare Scicli. Attraverso un'attività fisica di gamification si fanno circolare le schede e ogni coppia da un punteggio ad ogni scheda. Si verificano le 6 schede più votate e ogni individuo ne sceglie massimo 2. Una procedura che permette di creare i gruppi di lavoro che cominciano a sedersi e discutere. Inizia la fase di divergenza. Dopo qualche ora di discussione e appunti presi su foglietti (con uso sfrenato di colori), i gruppi costituito passano alla fase di convergenza sul progetto. E' una parte delicata dove ognuno deve rinunziare a qualche dettaglio, precedentemente sostenuto, per assicurare la coesione del gruppo di lavoro. La coesione è il punto di forza delle squadre di lavoro che deve, in 48 ore, riuscire a dettagliare quanto più possibile il progetto che intenderebbe realizzare in quella città, come se si trovasse davanti ad un potenziale finanziatore.
Nel frattempo i membri del gruppo hanno già rafforzato i rapporti sociali, e si vanno delineando le personali attitudini, ad esempio io prendo il comando degli strumenti multimediali e mi occupo di: ricerche sul web, fotografia digitale, costruzione google map tematica, redazione bozza del documento che in fase finale dovrà  illustrare al meglio il progetto proposto. La docente di arte si occupa degli schizzi, disegnini e plastici in 2d/3d delle azioni di progetto. C'è chi  effettua interviste video fuori e chi poi le monta, e così via.
L'atmosfera che si respira nello studio Siklab che ospita l'evento GOVJAM a Scicli è frizzante: oltre 30 persone, dai 20 anni agli over 50, che non stanno ferme e cercano sempre qualche cosa (scotch, pendrive usb, fotocamera digitale, carta formato A0, nastro, cartone,...) per FARE, e per FARE vedere meglio agli altri il progetto al quale si sta lavorando. Sembra un cantiere, più che uno studio di architettura.
Entra nello spazio di lavoro anche il sindaco e non ci si trattiene (soprattutto i disinibiti non locali)  nel voler sapere se queste proposte progettuali, che già cominiciano ad essere chiare negli obiettivi, verranno mai prese in considerazione dall'Amministrazione. 
  • MAMA' POOLING, una sistema di mamme che si prestano a fare da educatrici per altri bambini a casa loro 
  • FREQUENTO, un network di persone locali che per attitudini e tradizioni consolidate si prestano a fare da hub di servizi al turista
  • VILLA PENNISI DAVITA ALLE TUE IDEE, gestione di uno spazio pubblico cittadino attraverso un consorzio di associazioni che assegnano di volta in volta lo spazio a privati cittadini o ad altre associazioni per l'organizzazione di eventi o manifestazioni.
  • CICERO, un tour guidato sui servizi erogati dalla pubblica amministrazione, ogni cittadino propone e segnala qualcosa in un totem posizionato in uno spazio pubblico, un totem che simboleggia il bisogno di informazione dei cittadini 
  • CASA MIA IN STRADA, un sistema nel quale i cittadini cominciano a dare valore allo spazio pubblico prossimo alla propria abitazione attraverso la realizzazione di diverse azioni (pulizia, artistiche, sociali, economiche) che aumentano l'attratività del quartiere chiedendo in cambio al Comune di "lasciar fare" e di non applicare la tassa di utilizzo del suolo pubblico per queste attività. 
Progetti dal forte valore sociale e culturale, che mettono i più volenterosi e i creativi locali in condizione  di potersi esprimere sul territorio, e che focalizzano molto l'attenzione sull'uso degli spazi pubblici, visti come un terreno sul quale si deve operare in quanto patrimonio collettivo. Progetti che non necessitano di ingenti risorse economiche pubbliche, appena poche migliaia di euro. 
Le cene, i pranzi e le merende scandiscono i tempi del lavoro e constribuiscono a rafforzare l'affiatamento dei gruppi.
Si avvicina il tempo di fare l'upload dei lavori sul sito-server della GOVJAM, non ha importanza quale formato sia, c'è chi presenta in pdf, chi in video, chi in power point, l'obiettivo primario è mostrare alla cittadinanza il frutto di 48 ore di lavori collettivi. I progetti vengono presentati alla cittadinanza all'interno della sede del Municipio di Scicli, in delle stanze dove gli affreschi sui tetti riportano "draghi".
Abbiamo finito, c'è chi si abbraccia, chi va fuori a fumare sigarette, ci si scambia bigliettini da visita, si scrivono le proprie impressioni positive e negative sull'esperienza di gruppo, abbiamo fatto rete, abbiamo creato piccole tribes of trust, ci siamo contaminati in maniera creativa l'un l'altro/a, l'esperimento è stato effettuato. Con successo. Si perchè 30 persone, molte delle quali non si erano mai viste prima, in 48 ore hanno lavorato sodo per dare uno scossone alla pubblica amministrazione locale attraverso la creazione di progetti condivisi per migliorare la qualità della vita. A Scicli, come immagino in altre città, le 48 ore trascorse in questa maniera hanno generato un piccolo venticello di innovazione sociale.
Cosa farà ora la pubblica amministrazione locale? Ci sarà anche lì dentro quella leggera brezza di innovazione tale da permettere l'adozione di almeno 1 o 2 dei 5 progetti presentati alla cittadinanza? 

Visualizzazioni: 117

Rispondi

Risposte a questa discussione

http://www.flickr.com/search/?q=govjam

le immagini dell'atmosfera progettuale che si respira nelle tante location mondiali della GOVJAM

+

https://twitter.com/ScicliGovJam

le fasi dell'evento Govjam a Scicli scandite dai tweet dei partecipanti

+

https://www.facebook.com/groups/sciclijam/

il gruppo FB e le foto dell'evento Govjam a Scicli

Rispondi alla discussione

RSS

© 2017   Creato da Jesse Marsh.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio