Il progetto HABITATS prevede due progetti pilota di cui uno è relativo alla "gestione dei pascoli".

Questo progetto tende a dotare l'Ente Parco di strumenti utili a migliorare l'attività di gestione dei pascoli di pecore e capre che si basa oggi sul piano pascoli di cui il parco si è dotato.

Il sistema di gestione dei pascoli si dovrà avvalere di un sito WEB dove saranno visualizzate tutte le informazioni relative alla gestione dei pascoli, che potranno essere condivise con i portatori di interesse, come allevatori e tutti coloro che per aspetti economici e non sono interessati all'argomento.

Il forum intende raccogliere idee, commenti e quant'altro possa contribuire all'aspetto della gestione dei pascoli da parte dell'Ente Parco.

Dell'inziativa potranno avvantaggiarsi tutti gli interessati come persone o enti, ma anche l'ambiente cioè il parco che potrà godere dei benefici derivanti da una gestione sostenibile dei pascoli.

Per far tutto ciò saranno realizzate delle mappe che saranno pubblicate su Internet tramite un'applicazione WEBGIS Open Source, per una piena condivisione del loro contenuto da parte di tutti gli interessati.

HABITATS in generale ha come finalità la sperimentazione sulla costruzione di banche dati e modelli di condivisione dell'informazione compatibili con la Direttiva Europoea Inspire.

Poichè INSPIRE è basata anche sulla costruzione di modelli dati comuni a tutti gli stati dell'Unione Europea, sono in corso delle attività per definire questi modelli, che nel caso di HABITATS si pensa possano essere costruti con la partecipazione degli utenti, che spesso dell'informazione sono i veri depositari.

Visualizzazioni: 230

Risposte a questa discussione

Per questo progetto mi sembra che si parlava di collarini GPS da mettere sugli animali sia da pascolo sia selvaggi. C'è qualcuno in Sicilia che lavoro in questo ambito?
Al momento mi sembra non ci sia nessuno, ma ho già acquisito riferimenti di produttori sia in Italia che all'estero.
Sto studiando la fattibilità e l'operatività della soluzione.
Sono a conoscenza dell'esistenza di un'offerta tecnico-economica, predisposta già da una società con cui sono in contatto, per una situazione analoga (gestione e controllo tramite GPS di animali da pascolo). Se ritenete che possa essere utile, posso provare ad approfondire.
sto valutando tecnicamente la fattibilità dell'applicazione sulla base di una serie di documenti di ricerca nazionali ed internazionali, ma nel frattempo eventuali contributi sono benvenuti. Puoi farmi pervenire le informazioni dispobili?


Nino Galante ha detto:
Sono a conoscenza dell'esistenza di un'offerta tecnico-economica, predisposta già da una società con cui sono in contatto, per una situazione analoga (gestione e controllo tramite GPS di animali da pascolo). Se ritenete che possa essere utile, posso provare ad approfondire.
Altra opzione potrebbe essere una soluzione ora in fase di sviluppo dalla società Archeometra (partner nel progetto Periphèria). www.archeometra.it
Sono appena riuscito a inviare un breve documento a Jesse per l'appuntamento di domani
Grazie Nino del contributo, abbiamo visto insieme tutta una serie di sistemi GPS scovati da Andrea. Ma la maggior parte sembra funzionare senza la necessità di un software centralizzato di gestione, server ecc. Non è meglio così?
Non so esattamente quali siano gli obiettivi del sistema che si vuole implementare ma un'applicazione che elabori i dati provenienti dagli animali credevo lo fosse; che poi quest'applicazione risieda su un server (inteso nella classica accezione) piuttosto che su una piattaforma di cloud computing o comunque che sia accessibile facilmente da qualsiasi dispositivo dovrebbe essere un altro aspetto.

Ho comunque pochi elementi al momento per comprendere bene.
Caro Nino la settimana prossima - mercoledì- inserisco tutte le specifiche del sistema che vogliamo realizzare e ne possiamo discutere -

Nino Galante ha detto:
Non so esattamente quali siano gli obiettivi del sistema che si vuole implementare ma un'applicazione che elabori i dati provenienti dagli animali credevo lo fosse; che poi quest'applicazione risieda su un server (inteso nella classica accezione) piuttosto che su una piattaforma di cloud computing o comunque che sia accessibile facilmente da qualsiasi dispositivo dovrebbe essere un altro aspetto.

Ho comunque pochi elementi al momento per comprendere bene.
Quale sarebbe lo scopo di fare un tracciamento degli ovocaprini mediante Gps? Si tratta di animali molto con5osciuti e dagli spostamenti assai facilmente seguibili. Direi anzi che adottano spontaneamente il più antico sistema di "tracciamento" naturale ;-)

Mi sembrerebbe forse più importante cercare di capire qualcosa in più di queste popolazioni di cinghiali che stanno contribuendo al degrado dei terreni e dei pascoli alti delle madonie. Si tratta di una specie scappata dai centri di visita dei forestali, aliena dal punto di vista genetico (non è il cinghiale che popolava le nostre montagne, ma una specie molto più grossa, aggressiva, invadente) e distruttiva dei suoli. Basta andare a Piano dei Cervi: la scomparsa del laghetto stagionale ne è uno degli esempi più evidenti: la quantità di buchi e di scavi dei cinghiali ne ha completamente alterato il fondo rendendolo ormai eccessivamente permeabile.

salve, anche io sono convinto che fare rilevamenti sugli ovini e caprini porta a poco, a meno che viene correlato alla presenza delle piante presenti in quella data zona di pascolo, in un determinato periodo, ma anche lì il rilevamento gis mi sembra superfluo. le stesse somme potrebbero servire ad altro, sempre nello stesso ambito.

 

potrebbe essere interessante invece ristrutturare ed adeguare i marcati, da poter utilizzare per la trasformazione,e a scopi turistici. ce ne sono di molto antichi. dislocati già in tutto il territorio.

RSS

© 2017   Creato da Jesse Marsh.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio